Magnans Homepage
 
Citazione dal libro intitolato: L'ORA DEI GENTILUOMINI
 
di DON WINSLOW
 
pubblicato da EINAUDI

 
ISBN 9788806204723

   
Capitolo 4
...
     L'Ora dei Gentiluomini è un'antica istituzione del surf.
 
    È il secondo turno della giornata del surfista, e segue a rotazione la Pattuglia dell'Alba, quando i giovani della mattina presto vanno al l-a-v-o-r-o e lasciano la spiaggia ai vecchi
veteranos: pensionati, medici, avvocati e imprenditori di successo che non devono lavorare dalle nove alle cinque.
 
    I giovani possono anche restare per l’Ora dei Gentiluomini, ma devono conoscere e rispettare alcune regole non scrittre:
 
    
1  Mai fregare l’onda ad un anziano.
 
   2  Mai fare il fenomeno, esibendosi in cose che un corpo giovane può fare e un vecchio no.
 
   3  Mai offrire la propria opinione su qualsiasi argomento.
 
    4  Mai, ma proprio
mai, dire qualcosa tipo: «Questa ce l’hai già raccontata».
 
     Perché i gentiluomini dell’Ora dei Gentiluomini amano parlare. Cristo, la metà delle volte non entrano nemmeno in acqua. Se ne stanno accanto alle loro tavole classiche e raccontano storie. Ricordi di onde del passato, che con il tempo diventano sempre più alte, più grosse, più cattive, più dolci e più lunghe. È una cosa naturale, logica, e Boone, già da quando era un fastidioso
gremmie, un ragazzino del surf (e ce n’erano pochi più fastidiosi di lui) aveva scoperto che, se tenevi il becco chiuso, da quei tizi potevi imparare. C’era davvero qualcosa di solido sotto il cumulo di balle.